• Post Category:Google
  • Post Comments:0 Commenti

Dai Core Update a BERT, ecco i principali aggiornamenti di Google Ricerca

Tra migliorie algoritmiche e novità varie divulgate ufficialmente oppure rilasciate in silenzio, ogni anno Google apporta centinaia di cambiamenti su Google Search per rendere la ricerca sempre più efficiente, e il ritmo di questi interventi diventa sempre più veloce.

Prendendo spunto da un recente articolo pubblicato su Search Engine Land, vediamo quali sono stati i principali aggiornamenti 2019 dell’algoritmo di Google a livello globale.

I principali Core Update di Google del 2019

Solitamente un Core Update dell’algoritmo di base si verifica solo alcune volte all’anno.

Impattando indistintamente su un certo numero di query, gli effetti di questo genere di intervento sono solitamente una forte volatilità delle SERP (Search Engine Results Pages) con conseguente variazione di posizionamento dei siti web.

Non si tratta di penalizzazioni, ma semplicemente di nuovi modi di ragionare da parte del motore di ricerca.

La grande novità di quest’anno non è stato tanto il numero di aggiornamenti, ma la strategia di comunicazione degli stessi da parte di Big G, che per la prima volta nella sua storia ha comunicato, confermato o addirittura anticipato i vari aggiornamenti a tutti gli utenti via social o sul blog.

Vediamo dunque quali sono state le novità principali di Google Ricerca

 

◼️Google Core Update marzo 2019

Con un tweet del 13 marzo 2019 Google annuncia il rilascio di un importante Core Update, in un primo momento chiamato Florida 2 dal momento che è stato rilasciato in concomitanza con il Pubcon Florida SEO Conference come un precedente upgrade del 2003.

Tuttavia, come confermato dalla voce ufficiale Danny Sullivan, d’ora in poi si preferirà nominare tutti gli aggiornamenti con la formula “tipo di intervento + data”.

Il March 2019 Core Update è aggiornamento volto a migliorare il modo in cui Google valuta la rilevanza di un contenuto per una determinata keyword mediante i suoi algoritmi e le sue intelligenze artificiali.

Leggi anche: Come scrivere contenuti di qualità sul Web

 

◼️Google Core Update giugno 2019

Questo è il caso in cui viene preannunciato l’arrivo di un nuovo broad core update, precisamente il 2 giugno 2019 sempre via Twitter dall’account ufficiale @searchliaison

Nonostante il secondo grande aggiornamento di Google venga descritto dagli addetti ai lavori come un regolare intervento volto a modificare i criteri di classificazione che determinano i risultati di ricerca, verrà ricordato per essere stato il primo ad essere annunciato in anticipo.

Qualche giorno dopo lo stesso Google comunicherà il rilascio del Site Diversity Change, che prevede che in una SERP ci possano essere al massimo due risultati per dominio.

Sebbene non sembrano esserci collegamenti tra il June 2019 Core Update e il Diversity Change, entrambi lavorano in sincronia e in maniera trasversale sulle SERP e riguardano il modo in cui Google interpreta e distribuisce i risultati di ricerca.

 

◼️Google Core Update settembre 2019

Il September 2019 Core Update è stato comunicato il 24 settembre 2019, a poche ore dal rollout

Nonostante gli effetti siano stati più deboli dei precedenti, sembra che questo aggiornamento abbia avuto un grosso effetto sul posizionamento dei contenuti Your Money or Your Life (YMYL), cioè sui siti con argomenti riguardanti Finanza e Salute.

 

◼️Google BERT e il Core Update novembre 2019

L’annuncio di BERT arriva il 25 ottobre 2019, con la gaffe (corretta dopo qualche giorno) di non aver pubblicato il link alla pagina del blog di Google, che qui lo presenta come “il più grande passo in avanti negli ultimi 5 anni e uno dei più grandi salti in avanti nella storia della ricerca”

L’obiettivo di BERT, acronimo di Bidirectional Encoder Representations from Transformer, è quello di migliorare la comprensione delle query da parte del motore di ricerca mediante una migliore comprensione del linguaggio umano e il contesto delle frasi grazie all’Intelligenza Artificiale e le Corrispondenze Neurali che imitano il funzionamento del cervello umano.

Di recente Google ha annunciato di aver iniziato il rollout in più di 70 lingue, tra cui l’Italiano

Maggiori approfondimenti su Google BERT

Google ha implementato l’utilizzo delle reti neurali nella local SEO, confermando un importante aggiornamento algoritmico iniziato nel mese di novembre 2019 e definendolo dunque November 2019 Local Search Update

Questo update è legato dunque all’uso che Google fa delle reti neurali nella generazione dei risultati di ricerca locali.

Leggi anche: Come fare Local SEO su Bing

Conclusioni

Oltre a questi eventi più “clamorosi”, è ovvio che durante l’anno ci siano stati altri cambiamenti minori, visto che Google apporta aggiornamenti di ricerca quasi ogni giorno e la maggior parte di questi non viene neanche comunicata.

Spesso tra le varie community si vocifera e si chiacchiera su rumor più o meno attendibili o sono le persone stesse a scoprire i test che Google si diverte a fare online, come le SERP senza url scoperte di recente da un utente su Reddit

serp senza url

In generale non bisogna affannarsi a seguire gli algoritmi, o meglio non bisogna allarmarsi e cercare per forza di apportare correzioni se si riscontra un calo nel ranking, perché, come spiegato dallo stesso Google con una nota ufficiale di qualche mese fa, l’importante è offrire sempre i migliori contenuti possibili ai visitatori.

Solo così sarai premiato sia da Mountain View che dagli utenti.

Ultimo aggiornamento:

Condividi

Valentina Iannaco

Blogger e Web Copywriter Freelance competente in ambito SEO, laureata in Comunicazione Digitale e Lingua Inglese con tesi su Web Usability e Web Copywriting. Appassionata di scrittura e delle evoluzioni/rivoluzioni di Google 😃

Lascia un commento

5 × tre =

Aggiornamenti Google 2019: ecco i principali Google Update dell’anno

tempo di lettura: 5 min