Quattro utili strategie per superare i trend stagionali con un posizionamento costante

Tante aziende e attività commerciali sono legate ai trend di ricerca stagionale: si pensi ai villaggi turistici, ai negozi di bikini, alle cioccolaterie e altro.

Capita dunque che in alta stagione ci siano alti picchi di visite al sito web, destinati a calare drasticamente nei periodi di minore affluenza e interesse.

Scopriamo dunque quattro strategie SEO (Search Engine Optimization) per superare i trend stagionali con un posizionamento costante ed evitare i cali di visite in bassa stagione.

Leggi anche SEO locale per Hotel: come ottimizzare per le ricerche locali

Analisi dei trend stagionali

Se il traffico del tuo sito è fluttuante occorre conoscere quando si registrano i movimenti più rilevanti dell’anno e soprattutto a quali parole chiave sono legati.

Google può fornirti alcuni utili strumenti di analisi delle keyword e delle tendenze di ricerca stagionali:

  • Google Trends;
  • Google Keyword Planner;
  • Google Search Console;
  • Google Analytics.

In generale esistono diversi modelli di stagionalità legati alla SEO

  • Stagionalità basata su festività o eventi: legata a un particolare momento dell’anno

stagionalità evento

  • Stagionalità mensile: legata a più momenti dell’anno

stagionalità mensile

  • Stagionalità costante: legata a un argomento più generale di interesse più continuo

stagionalità costante

  • Stagionalità con fluttuazioni costanti

stagionalità con fluttuazioni

Scopriamo dunque quattro utili strategie per superare le brusche fluttuazioni in caso di Seasonal SEO.

 

1. Espandi la tua audience

Dove si trovano i tuoi clienti in bassa stagione? Quali sono i loro interessi e cosa cercano durante i periodi in cui non usufruiscono dei tuoi prodotti/servizi?

Solo perché un utente non cerca il tuo prodotto tutto l’anno non è detto che tu non possa continuare ad aggiungere valore alla sua vita.

Usa strumenti come SparkToro e Facebook Audience Insights per comprendere quali social, canali YouTube, siti web e podcast consultano i tuoi clienti.

Ci sono tantissimi dati da raccogliere per identificare gli argomenti che interessano ai tuoi consumatori attuali e potenziali: in questo modo il tuo brand potrà allinearsi con essi anche nella bassa stagione e potrai espandere la tua audience.

Leggi anche Come Proteggere la Web Reputation del tuo brand

 

2. Identifica bene le tue Personas

Quando è stata l’ultima volta che hai scambiato quattro chiacchiere con un tuo cliente? Sfrutta la bassa stagione per scavare a fondo nelle passioni e nelle attività che tengono impegnate le tue Personas durante tutto l’anno.

Identifica nuovi canali, inserisciti nelle conversazioni, interagisci e pubblica contenuti coerenti e utili ai tuoi utenti.

Potrebbe interessarti: Contenuti per i Social Media: trend e tendenze da tenere sott’occhio

 

3. Lancia campagne di Co-Marketing

Ora che conosci i canali e gli argomenti che interessano al tuo target durante la low season, come fare in modo che il tuo brand sia presente e pertinente con i loro interessi?

La definizione del termine Co-Marketing su GlossarioMarketing è molto chiara

 

Un’alleanza di risorse o competenze, generalmente di natura temporanea, da parte di due o più imprese al fine di sfruttare in modo ottimale risorse e capacità complementari per accrescere il potenziale di mercato di entrambe.

 

In poche parole significa che se i tuoi utenti sono interessati ad altri settori in periodi diversi da quello in cui la tua attività è più operativa, puoi instaurare partnership con le aziende coinvolte in una di queste aree.

Ovviamente dovrà trattarsi di un’attività non concorrente, ma complementare, che abbiano lo stesso obiettivo di creare una campagna di marketing reciprocamente vantaggiosa.

Alcuni esempi sono le partnership Valfrutta e Parmareggio, Granarolo e Loaker, Fiat 500 e Gucci, FIGC e Armani e tanto altro.

Un caso concreto può essere questo: se ti occupi di attrezzature per sciatori e i tuoi utenti sono anche appassionati di bicicletta, birra e avventura, puoi organizzare una campagna di Co-Marketing con una di queste realtà per espandere il tuo pubblico.

Leggi anche Content Marketing Turistico: 5 esempi e casi di successo

 

4. Crea un calendario editoriale allineato stagionalmente

Allinea il tuo calendario editoriale con i principali argomenti di tendenza durante la bassa stagione.

Inoltre pensa a pubblicare costantemente contenuti nell’arco dei 12 mesi piuttosto che per un periodo ristretto di tempo. In questo modo gli utenti sentiranno sempre la tua voce.

Leggi anche Piano editoriale di un blog in estate

 

Conclusioni

Allineare la SEO con altre aree di Marketing è un ottimo modo per aumentare visibilità e posizionamento del sito sui motori di ricerca.

Non solo, ma ti consente di migliorare la presenza online della tua azienda durante tutto l’anno.

Prima di pianificare contenuti e strategie, identifica i punti di forza e le strategie che ti consentono di posizionarti al meglio durante l’alta stagione e analizza gli argomenti più competitivi per comprendere quanto il tuo sito è posizionato per essi.

Poi sfrutta le tendenze di ricerca e le informazioni sul pubblico e realizza un calendario editoriale costante e aggiornato con i loro interessi per posizionarti in modo efficace anche in diversi periodi dell’anno.

Riscontrerai sicuramente un miglioramento globale delle tue prestazioni.

Fonte: Search Engine Journal

 

Condividi

Valentina Iannaco

Mi occupo di Comunicazione Digitale dal 2005. Sono una Blogger e Web Copywriter competente in ambito SEO e mi sono laureata in Comunicazione Digitale e Lingua Inglese con tesi su Web Usability e Web Copywriting. Appassionata di scrittura e delle evoluzioni/rivoluzioni di Google

Lascia un commento

quattro × 5 =

Stagionalità e SEO: come evitare cali di visite in bassa stagione

tempo di lettura: 3 min