Google consiglia di evitare lo scrolling infinito perché può causare problemi SEO

Nel web design, lo scrolling infinito è quella modalità di visualizzazione della pagina in cui vengono caricati nuovi contenuti man mano che l’utente scrolla verso il basso, come in una sorta di refresh continuo.

Questa tecnica si presenta come alternativa alla paginazione standard, cioè la classifica suddivisione e distribuzione dei contenuti in più pagine ed è la soluzione alla quale ci hanno abituato siti a grandi quantità di informazioni come i portali di notizie oppure i social (Facebook, Twitter o Instagram).

Per quanto sia una soluzione moderna e piuttosto popolare, lo scroll infinito presenta una serie di problemi legati all’usabilità, alla monetizzazione e alla velocità della pagina, penalizzata dall’avidità di RAM necessaria per il caricamento continuo di nuovi elementi.

Sembra che però oltre a questi svantaggi ce ne sia uno ancora più preoccupante, balzato immediatamente all’attenzione di Google.

Perché Google consiglia di evitare l’infinite scroll?

In una recente video conferenza, Martin Splitt di Google ha spiegato con una serie di test su siti reali che lo scolling infinito causa problemi di indicizzazione dei contenuti visto che Googlebot, lo spider web di Google, non scorre le pagine.

Quello che fa Googlebot infatti è atterrare su una pagina e scansionare ciò che è immediatamente visibile.

potrebbe potenzialmente far perdere molti contenuti dall’indice di ricerca di Google.

Leggi anche SEO e Web Design: cosa hanno in comune?

 

Come risolvere i problemi dell’infinite scroll

Google consiglia di correggere i contenuti caricati tramite caricamento lento (o lazy loading) e di supportare il caricamento suddiviso per lo scorrimento continuo.

Successivamente bisognerà effettuare dei test per assicurarti che tutto funzioni correttamente, per esempio mediante uno script Puppeteer.

Leggi il dettaglio della Guida di Google

 

Paginazione o Scroll Infinito?

A mio avviso la paginazione classica è preferibile all’infinite scrolling.

Se il tuo sito si compone di un numero modesto di pagine, la paginazione aiuterà il posizionamento delle keyword e migliorerà la User Experience dei tuoi utenti.

Nel caso in cui il tuo sito abbia un elevato numero di pagine, potresti pensare di mettere un po’ di ordine organizzando gerarchicamente le varie categorie, riducendo il numero di collegamenti per pagina o alleggerendo le voci di menu.

Leggi anche Come migliorare la Navigazione del Sito Web: 7 consigli di Web Design

Fonte: Search Engine Journal

 

Condividi

Valentina Iannaco

Blogger e Web Copywriter Freelance competente in ambito SEO, laureata in Comunicazione Digitale e Lingua Inglese con tesi su Web Usability e Web Copywriting. Appassionata di scrittura e delle evoluzioni/rivoluzioni di Google 😃

Lascia un commento

uno × tre =

Scrolling infinito: perché Google consiglia di evitarlo?

tempo di lettura: 2 min